Metti in campo la tua creatività e migliora i tuoi risultati

Via Copernico, 38

MILANO

Per maggiori info:
Creatività e Business

11 Jul Metti in campo la tua creatività e migliora i tuoi risultati

Danilo Schipani, Business & Communication Coach, fondatore di INTACTO, ci racconta come la creatività impatta nel mondo del business e sulle potenzialità individuali.

La creatività è un’abilità sempre più decisiva. Attraverso la creatività prende forma e decolla il potenziale individuale. Essere più creativi richiede di allenare determinate abilità e atteggiamenti di fronte a sfide, problemi, obiettivi. Richiede allenamento concreto, che accenda intuizioni e possibilità, migliorando l’utilizzo delle capacità individuali, ed evitando abitudini limitanti.

Importanza della creatività

La creatività sembra essere un argomento molto di moda. In effetti, è un argomento fondamentale. Generare idee creative, utili e fattibili, è considerata una delle qualità di leadership più importanti negli attuali e futuri contesti professionali. Esprimere la propria creatività personale, inoltre, viene da molti considerato un elemento in grado di fare la differenza nella propria vita.

Strumenti esterni?

Alla crescita di interesse verso la creatività, si accompagna una moltiplicazione di strumenti e sistemi, proposti per trovare soluzioni creative. A volte, sembra che la creatività sia considerata esterna al singolo individuo, manager o professionista, come se le risorse creative individuali fossero secondarie rispetto ad un certo strumento.

Individuo, team e creatività

Nell’avvicinarsi allo sviluppo di soluzioni creative, è utile considerare alcuni aspetti:

  • Il focus rimane il potenziale​ individuale. La creatività emerge e prende forma attraverso l’individuo. Anche in un contesto di team, come ad esempio evidenziato da alcune ricerche sul “brainstorming”, ogni membro del gruppo è fondamentale non solo in quanto generatore di contributi, ma come soggetto che influenza in modo decisivo l’esplorazione efficace, la possibilità di costruire sulle differenti idee. In questo senso, il team può essere straordinariamente unico in termini creativi, quando si adottano modalità che ne consentano un funzionamento efficace.
  • L’attitudine​ creativa può essere messa in campo di fronte a molte situazioni: sono richiesti apertura, flessibilità, spazio per accogliere contenuti, idee anche apparentemente lontane tra loro o da un’applicazione immediata. Si tratta di un’attitudine esplorativa, humus creativo che si esprime nell’incontro​ tra un soggetto (o un team) ed una situazione che richiede una soluzione nuova e fattibile.
  • Alcune abitudini​ consolidate possono essere un limite alla creatività. Ad esempio: modalità e approcci ricorrenti, automatici, ripetitivi nell’affrontare problemi, leggere dati, definire ipotesi sul modo di affrontare certe situazioni. Tutto questo può affondare il potenziale creativo: queste abitudini vanno riconosciute e modificate.

Allenarsi ad essere subito più creativi: alcuni suggerimenti

L’adozione di tecniche creative specifiche è molto utile. È importante tuttavia allenare in modo sistematico attitudine e abitudine alla creatività. Creatività richiede innanzitutto maggiore consapevolezza​ delle modalità con le quali si affrontano le situazioni e la volontà e l’impegno ad andare oltre. Richiede allenamento a riconoscere queste modalità, nella quotidianità o in contesti come quello di Coaching.

Tempo

Per allenarsi è utile dedicare del tempo specifico e circoscritto per la creatività. Una soluzione creativa può emergere anche al di fuori di questo tempo. Impegnarsi con una “parentesi” dedicata, tuttavia, rende più pronti e “disponibili” ad accogliere novità e intuizioni, a far sbocciare i semi della creatività.

Domande

Anche se non sempre in modo consapevole, le situazioni vengono affrontate avendo già pronta una certa interpretazione, riducendo così lo spazio creativo. È importante inoltre adottare un approccio esplorativo, ponendosi deliberatamente alcune domande. Queste ultime aiutano a riconoscere, ed evitare, alcune “trappole”, schemi abitudinari di interpretazione, azione o risposta. Aiutano ad aumentare l’abilità di trovare soluzioni creative ad un numero crescente di situazioni.

  • Mappa: “Qual è il problema?” “Che cosa sto cercando di risolvere?” Definisci in modo preciso la questione che richiede una soluzione creativa. Si tratta di scegliere in modo deliberato e focalizzato la direzione, l’obiettivo, la meta verso cui si punta come individuo o come team.
  • Formulazione e riformulazione: “Che cosa sto dando per scontato nel definire la situazione in questo modo? Come potrei rileggerla?” Modificare la chiave di lettura di una situazione, ridefinirla, può aprire aree di ingresso per soluzioni nuove.
  • Dati e informazioni: “Quali altri dati o informazioni posso cercare o tenere in considerazione?” “Cosa succederebbe se considerassi anche questi dati?”
  • Alternative e contaminazioni: “In che altro modo potrei fare?” Aprirsi a contaminazioni, intersezioni con contesti, modalità, settori differenti.
  • Ampliare i sensi: “Come vedo, sento, percepisco la situazione?” Entra, esplora, allenati a porre attenzione ai vari elementi, senza bloccare o filtrare in anticipo. Solo alcuni input verranno concretamente utilizzati, ma ognuno di essi, in qualche misura, influenzerà il risultato.

Che la creatività abbia inizio!

 

Danilo Schipani


Tieniti aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter.
La tua privacy è importante per noi. I tuoi dati saranno utilizzati esclusivamente per l’iscrizione alla nostra Newsletter. Inoltre, in ogni momento potrai consultare la nostra Privacy Policy.


#IAMCOPERNICO